Sap

Mentre ero al computer, cercando di capire da quale paese avrei iniziato il mio viaggio in Asia, sono capitato per caso su un sito che parlava della fioritura dei ciliegi in Giappone e dell’Hanami, cioè ammirare la fioritura dei ciliegi (ciliegi in giapponese si dice Sakura). Sono bastate due foto per farmi capire che avrei preso un biglietto il giorno dopo. Mi informo subito per sapere quale fosse il periodo migliore per andarci scoprendo così, che cambia di anno in anno e dal posto: più si va a nord, più la fioritura ritarderà. Il periodo è comunque in primavera e parte da circa metà marzo a Tokyo, fino ai primi di maggio a Sapporo. Essendo in ritardo col rinnovo del passaporto, mi tocca aspettare i primi di maggio per partire, così decido di andare a Sapporo sperando di non arrivare in ritardo.

 

sap2

Una volta a Sapporo, chiedo subito in giro dove si fa l’Hanami (per i giapponesi è un evento molto importante), ma non capisco bene cosa mi vien detto e vado in panico perché sono convinto di essere arrivato tardi (il primo giorno non ho visto neanche un ciliegio in giro per la città). Poi scopro che la stagione di fioritura è finita e che i petali stavano già iniziando a cadere. Demoralizzato e deluso, decido comunque di vedere le attrazioni della città e di spenderci un po’ di tempo.

 

Nei giorni successivi, mi imbatto sempre più spesso in posti dove alcuni ciliegi non hanno ancora perso tutti i petali. Girando infatti per il giardino botanico, per esempio, ho avuto la fortuna di trovarne alcuni.

 

sap3

sap4

Nell’Hokkaido Government Office invece, sono riuscito a vederne di più, così come nel Marayuma Park, dove le persone si rilassano sotto ad essi.

sap5

sap6

Anche se non sono arrivato in tempo per la massima bellezza dei fiori, sono riuscito a vederne abbastanza da rimanere soddisfatto. In realtà anche i petali sparsi per terra mi hanno regalato un bellissimo spettacolo che merita moltissimo. Se vorrete mai venire in Giappone in primavere, informatevi bene dove vedere l’Hanami perché ne vale assolutamente la pena.

The following two tabs change content below.
Sono Michael, un ragazzo avventuroso e con la voglia di scoprire, esplorare e condividere nuove emozioni ed esperienze. Dopo aver concluso gli studi liceali, ho iniziato quelli universitari a Milano, sotto la facolta’ di sociologia, rendendomi conto però che non era la mia strada. Ho deciso cosi’ di mettere un po’ di soldi da parte iniziando a lavorare, per partire in viaggio nel 2012 (inizialmente sarebbe dovuto durare 3 mesi) e scoprendo così la mia vera natura, quella del viaggiatore. Non mi ritengo uno scrittore nato, per questo ho sempre negato a me stesso la possibilità di creare un blog, ma la voglia di condividere e il desiderio di motivare persone di qualsiasi età, come me, stufe della monotonia e vogliose di vedere cosa c’è al di la’ della vita quotidiana, mi hanno spinto ad aprire Vita da Backpackers!