Penso sia abbastanza risaputo di quante stramberie si possano trovare in Giappone e i bar dei gufi, o meglio i Fukurou cafe, sono una di queste. Dopo i bar dove si possono coccolare gatti, capre e pinguini, sono arrivati anche i gufi.Ebbene si, i Fukurou cafè (in inglese owl cafes) sono appositi bar dove si può godere della simpatica compagnia di diverse specie di gufo.

Ecco uno dei tanti bar dei gufi in Giappone

o4

o2

o3

Moda che si sta diffondendo piuttosto velocemente in Giappone, infatti si possono trovare questi bar dei gufi nelle città più importanti come Tokyo o Osaka, ma anche in città secondarie come Hirosaki. Io ci sono finito per caso in quest’ultima città, accompagnato da una ragazza locale che me ne aveva parlato pochi giorni prima.

o5

Al modico prezzo di 1000 yen ho accarezzato queste buffe creature, anche se mi è dispiaciuto un pò vederle legate e prigioniere dell’essere umano.

o6

Tolto questo, i gufi sono abbastanza socievoli e simpatici (anche se dai loro sguardi non si direbbe), quindi si fanno toccare abbastanza tranquillamente, ma non fidatevi troppo dato che sono animali notturni sveglidurante il giorno: immaginatevi di dover cambiare il vostro ritmo di vita per farvi accarezzare da degli essere 10 volte più grosse di voi, non dovrebbe essere troppo piacevole.

o7

o8

Questi sono alcuni dei bar più famosi: Fukurou Sabou (“Owl Teahouse”) a Tokyo, Owl Family a Osaka, e Crew sempre ad Osaka.

BAR DEI GUFI

The following two tabs change content below.
Sono Michael, un ragazzo avventuroso e con la voglia di scoprire, esplorare e condividere nuove emozioni ed esperienze. Dopo aver concluso gli studi liceali, ho iniziato quelli universitari a Milano, sotto la facolta’ di sociologia, rendendomi conto però che non era la mia strada. Ho deciso cosi’ di mettere un po’ di soldi da parte iniziando a lavorare, per partire in viaggio nel 2012 (inizialmente sarebbe dovuto durare 3 mesi) e scoprendo così la mia vera natura, quella del viaggiatore. Non mi ritengo uno scrittore nato, per questo ho sempre negato a me stesso la possibilità di creare un blog, ma la voglia di condividere e il desiderio di motivare persone di qualsiasi età, come me, stufe della monotonia e vogliose di vedere cosa c’è al di la’ della vita quotidiana, mi hanno spinto ad aprire Vita da Backpackers!