Cosa fare e vedere a Kyoto.

Bisogna subito dirlo: Kyoto ha veramente molte attrazioni, soprattutto un sacco di templi e riuscirli a vederli tutti in tre giorni è impossibile, ma se noleggiate una bici (500 yen a giorno) riuscirete a vederne buona parte. Dopo essere stato dieci giorni a Tokyo mi sono diretto verso “la città dei mille templi” e il centro originario della tradizione e cultura giapponese. Una delle città che al meglio rappresenta il Giappone e dove con un pò di fortuna, si potranno vedere delle vere Geishe (chiamate Geiko a Kyoto) in giro per strada. Appena arrivato a Kyoto mi sono diretto verso il mio hostello, il Bakpak hostel (lo conisglio perchè i prezzi sono molto buoni, 3000 yen per due notti ed è proprio in centro, vicinissimo alla Gion station) e mi sono subito informato sulle migliori attrazioni della città. Ecco un elenco di quello che sono riuscito a vedere io in tre giorni a Kyoto.

Cosa fare e vedere a kyoto ?

VISITARE IL QUARTIERE DI HIGASHIYAMA:

Dimenticatevi delle migliaia insegne luminose che troverete in ogni strada di Tokyo o Osaka, qui si potrà vedere il vero Giappone, troverete solo case in legno e vicoli lastricati in pietra. E’ una delle zone più conservate della città, e senza dubbio una delle più particolari. Qui troverete anche il tempio Kiyomizudera, uno dei templi più famosi di tutto il Giappone. Io l’ho raggiunto a piedi, ma dalla stazione di Kyoto si può prendere l’autobus numero 206 e scendere alla fermata Gojozaka. Nel raggiungere il tempio ci si può fermare tra i vari negozietti che si trovano lungo tutta la via.

 

t2

t1

Varie-2013Separatore

PASSEGGIATA NELLA FORESTA DI BAMBOO:

Mentre alloggiavo nel Bakpak Hostel (vicinissimo a Gion station, 1500 yen a notte), ho conosciuto queste quattro simpaticissime sorelle francesi che mi hanno proposto di andare con loro in questa famosa Bamboo Groves. Naturalmente non ho potuto rifiutare, prima di tutto perché me l’hanno proposto quattro ragazze (l’idea di essere beato tra le donne per una giornata intera non mi da affatto fastidio) e poi perché è una cosa che mi ero già messo in testa di andare a vedere. La foresta si trova nei pressi di Arashiyama, nella parte ovest della città, raggiungibile in meno di un’ora in bicicletta. Qui oltre alla foresta si possono visitare il Togetsukyo Bridge e l’Hovu river e molti templi come il Tenryuji Temple, l’Otagi Nenbutsu Ji Temple e l’Adashino Nenbutsuji Temple.

b2

b1

Varie-2013Separatore

CAMMINARE PER IL SANTUARIO DI FUSHIMI INARI-TAISHA:

Forse il santuario più bello di tutto il Giappone (a parer mio). Il Fushimi Inari è il più importante santuario scintoista dedicato al Kami Inari (divinità della fertilità). In realtà il santuario non è la parte più interessante, ma sono i suoi 5000 mila Torii (cancelli sacri scintoisti) che ti fanno compagnia lungo i 4 km di sentiero, fino in cima al monte. Ognuno di questi Torii è stato donato da qualcuno, infatti su ognuno di essi c’è il nome del donatore e la data. Per percorrerlo tutto ci vorranno circa due ore di camminata (andata e ritorno) e può essere abbastanza faticoso nel periodo estivo, dato che ci sono tanti gradini da salire. Dai, non siate pigri, arrivare in cima ne vale assolutamente la pena!

r2

r1

Varie-2013Separatore

CAMMINARE TRA PONTOCHO E GION AREA:

Sono sicuramente due delle zone più caratteristiche della città e anche le più belle. Sono entrambi piene di ristoranti per assaggiare la cucina tradizionale di Kyoto, di Okiya (case di Geishe) e Ochaya (case da tè). Se si è fortunati si potranno vedere le vere Geishe. Naturalmente non è facile vederne una, bisognerà avere pazienza e fortuna. L’orario dove di solito escono più facilmente allo scoperto, anche se per pochi minuti, dovrebbe essere dalle 6 alle 9 circa. Io ne ho vista una di sfuggita e un pò con la coda dell’occhio, infatti non sono nemmeno riuscito a scattare una foto e non posso dire di averla vista al 100%. Diffidate dalle imitazioni! Mi spiegava il ragazzo dell’hostello che se si vede una “Geisha” durante il giorno, è semplicemente una ragazza a cui piace vestirsi in quel modo e non una vera Geisha. Anche io ci sono cascato le prime volte.

rt2

rt1

Varie-2013Separatore

SPETTACOLO AL GION CORNER:

Se non siete fortunati nel vedere una vera Geisha potrete sempre pagare 3000 yen per vedere la danza kyo-mai eseguita da una Maiko (apprendista Geisha) al Gion Corner. Il Gion Corner è un posto dove oltre a questa danza, potrete assistere ad altri sei tipi di arte tradizionale dello spettacolo giapponese, come l’arte di disporre i fiori, la cerimonia del tè, lo Zither Koto (antico strumento giapponese), musica di corte Gagaku, teatro Kyogen (teatro comico) e il teatro delle marionette Bunraku. E’ Situato in Yasaka Hall vicino al teatro Gion Kobu Kaburenjo.

tp1

tp2

Varie-2013Separatore

VISITARE IL KINKAKU-JI:

Il Kinkaku- Ji il Tempio del padiglione d’oro ed è un tempio buddista. Veramente spettacolare ed uno dei templi più visitati del Giappone che ospita anche un bellissimo giardino . Il prezzo d’entrata è di 600 yen ed è raggiungibile con l’autobus 101 o 205.

te1

te2

Come dicevo prima a Kyoto ci sono moltissime altre attrazioni, ma se vorrete vederle tutte dovrete starci sicuramente più di tre giorni!!!

TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO? PERCHE’ NON TI ISCRIVI AL BLOG? TI MANDERO’ GLI AGGIORNAMENTI E LE FOTO DEGLI ULTIMI POSTI VISITATI! COSA ASPETTI!!!

The following two tabs change content below.
Sono Michael, un ragazzo avventuroso e con la voglia di scoprire, esplorare e condividere nuove emozioni ed esperienze. Dopo aver concluso gli studi liceali, ho iniziato quelli universitari a Milano, sotto la facolta’ di sociologia, rendendomi conto però che non era la mia strada. Ho deciso cosi’ di mettere un po’ di soldi da parte iniziando a lavorare, per partire in viaggio nel 2012 (inizialmente sarebbe dovuto durare 3 mesi) e scoprendo così la mia vera natura, quella del viaggiatore. Non mi ritengo uno scrittore nato, per questo ho sempre negato a me stesso la possibilità di creare un blog, ma la voglia di condividere e il desiderio di motivare persone di qualsiasi età, come me, stufe della monotonia e vogliose di vedere cosa c’è al di la’ della vita quotidiana, mi hanno spinto ad aprire Vita da Backpackers!

1 risposta