La California è un paese un po’ più grosso dell’Italia, con la differenza che ha la metà degli abitanti e ha paesaggi che variano da deserti rocciosi, ad immense foreste di sequoie. Molte persone conoscono la California solo per le VIP hollywoodiane di Los Angeles, le spiagge di Santa Monica o Venice Beach, San Francisco e l’ Orange County (dove hanno girato O.C per intenderci) senza considerare che, in realtà, la California è molto di più.

California

Sono a San Fancisco ospitato da un certo Michael (il mio couchsurfer), che mi spiega e racconta di come il Nord sia completamente diverso sia dal punto di vista paesaggistico/climatico, che dalla popolazione. Devo assolutamente girarmela tutta questa California! Decido così, con l’intento di conoscerla al meglio possibile, di farmi un bel giretto al Nord prima di visitare le città della costa.

California2

Sono le 7 del mattino e sto aspettando alla ferry building (stazione navale) il mio pullman dell’Amtrak che dovrebbe arrivare per le 8 (vi consiglio di girare con Greyhound che è la compagnia di pullman più conosciuta, Amtrak dovrebbe essere la seconda). Mentre mi dirigo al nord seguo affascinato, guardando fuori dal finestrino, il cambiamento del paesaggio. Passo quasi tutta la giornata a cambiare treni e pullman per poi ritrovarmi in una città dell’Humboldt County di nome “Fortuna”; città molto tranquilla con meno di 15000 abitanti: qui la gente è molto montanara e festaiola essendo comunque una città universitaria. Si respira aria molto più fresca e la mancanza dei turisti rende autentico questo posto. Vengo ospitato da James, un amico del ragazzo che avevo conosciuto a San Francisco. Mi dice che li vicino c’è il Redwoods National Park: la foresta di sequoie più alte al mondo!!! Non mi lascio perdere l’occasione di andarle a vedere: mi organizzo e decido di stare qualche giorno in zona.

Questa foreste è enorme! E pensare che ne è rimasto solamente il 10%…indovinate grazie a chi?

Sempre in quei giorni, girando con gente della zona, mi ritrovo nella Lost coast: una spiaggia deserta ad un paio d’ore da Fortuna, dove gli unici rumori che si sentono sono quello delle onde che s’infrangono sulle possenti rocce, gli schiamazzi degli uccelli e il sussurrio del vento. Una pace indescrivibile. C’è un punto dove queste due meraviglie (la Redwoods forest e l’oceano) che madre natura ci ha regalato, si incontrano creando un contrasto tra il verde delle sequoie e l’azzurro del mare. E’ PROPRIO VERO CHE QUI E’ COMPLETAMENTE DIVERSO!

California3

California4

Il Nord della California offre paesaggi mozzafiato con chilometri e chilometri di distese, pianure, montagne e foreste: tutto questo con pochissima presenza umana.

Un altro posto che mi è rimasto impresso è The King’s peak: la montagna più alta di quell’area. Pur essendo alta solo 1200 metri circa, King’s peak offre una vista panoramica a 360° che invidierebbero montagne molto più alte.

California5

Da un lato si ha infatti l’oceano che può essere ricoperto da nuvole (poco importa perché di solito sono nuvole basse che stanno al di sotto del livello di King’s peak) e dall’altro una distesa infinita di montagne. Io ho avuto la fortuna di essere accompagnato da dei locali del posto che mi hanno portato a vedere uno dei tramonti più belli che abbia mai visto. Se si va quando le giornate sono lunghe (luglio-agosto va benissimo) e quando c’è la luna piena, si avrà infatti uno spettacolo che solo la natura ci sa regalare: con lo sguardo rivolto verso il tramonto (verso l’oceano) si avranno i colori rosso, arancione e giallo che si mischiano tra di loro e che si accentuano e sparpagliano su un velo di soffici nuvole. Girandosi di 180° si avrà invece una luna piena che illumina la notte col suo bagliore e si potranno vedere colori che variano gradualmente dall’azzurro ad un blu scuro. Solo due ore di cammino per sentirsi in paradiso. Non ci si può sicuramente lamentare!!!

California6

California7

The following two tabs change content below.
Sono Michael, un ragazzo avventuroso e con la voglia di scoprire, esplorare e condividere nuove emozioni ed esperienze. Dopo aver concluso gli studi liceali, ho iniziato quelli universitari a Milano, sotto la facolta’ di sociologia, rendendomi conto però che non era la mia strada. Ho deciso cosi’ di mettere un po’ di soldi da parte iniziando a lavorare, per partire in viaggio nel 2012 (inizialmente sarebbe dovuto durare 3 mesi) e scoprendo così la mia vera natura, quella del viaggiatore. Non mi ritengo uno scrittore nato, per questo ho sempre negato a me stesso la possibilità di creare un blog, ma la voglia di condividere e il desiderio di motivare persone di qualsiasi età, come me, stufe della monotonia e vogliose di vedere cosa c’è al di la’ della vita quotidiana, mi hanno spinto ad aprire Vita da Backpackers!