Nord Taiwan: L’avventura continua!

Eccomi qui con Ina (ve l’avevo già presentata nel mio primo viaggio in Taiwan), pronti per andare a fare un giro per il Nord Taiwan, partendo da Taipei fino ad arrivare a Keelung per poi tornare indietro.

ECCO IL NORD TAIWAN

map

Una delle tante particolarità di Taiwan sono gli scooter e il traffico tipico di molti paesi del sud est asiatico. Naturalmente Ina ha una sorella che ci può prestare uno scooter per un paio di giorni. Ina mi farà da Cicerone a Taiwan (nonchè da autista, visto lo stile di guida spericolato della popolazione locale).

In realtà Taiwan è un’isola abbastanza piccola, per visitare il Nord non occorrono più di due giorni. Un’altra particolarità è che Taiwan è piena di templi. E quando dico tanti, intendo dire così tanti da non aver nemmeno bisogno di cercarli: sono ovunque. All’inizio infatti volevo vederne il più possibile, ma Ina mi continuava a dire di non preoccuparmi e che ne avrei visti abbastanza in quei due mesi. Aveva assolutamente ragione.

Mi sono reso subito conto dello stato delle abitazioni fuori Taipei (e spesso anche al suo interno) piuttosto vecchie e fatiscenti, e Ina mi spiega che è dovuto ai tantissimi tifoni che ogni anno colpiscono Taiwan, rovinando di continuo gli edifici, facendoli sembrare molto più vecchi di quello che non siano in realtà. Io stesso ho assistito alla potenza di un tifone e vi posso garantire che non è assolutamente piacevole.

Dopo aver girato un po’ per il nord, ci imbattiamo in questo tempio chiamato “Shi Ba Wang Gong” anche conosciuto come “the Eighteen Lords Temple” (十八王公廟). Leggi la sua storia qua.

Dopo qualche ora arriviamo al Yehliu Geopark, dove si trova la famosa Queen’s Head, un complesso di rocce che nel tempo sono state corrose dall’acqua, trasformandole in vere sculture. Una di queste, la più’ famosa,  ricorda molto una testa di regina, da qui il nome Queen’s Head.

Ecco la Queen’s Head.

nord taiwan

IMG_7336

Nei giorni successivi incontro anche Cassey, un’altra ragazza conosciuta in Australia.

10157297_788609367823420_742260361975321920_n

Cassey è una ragazza molto timida, ma anche lei veramente molto disponibile e mi porta in giro per Juifen, un’antica città di montagna. Juifen, che al tempo era un villaggio poco conosciuto, si scoprì essere piena di giacimenti d’oro nei suoi dintorni. Dopo questa scoperta (avvenuta nel 1893) ci fu una corsa all’oro che permise al piccolo villaggio di diventare una città, che raggiunse il massimo della sua grandezza durante l’occupazione giapponese di Taiwan. Oggi è un’attrazione turistica che attira moltissima gente provenienti da Taipei. E dove ci sono turisti ovviamente non mancano i souvenir e tantissimi cibi di ogni tipo!

IN GIRO PER JUIFEN

Nel mio giro nel nord Taiwan c’è incluso Bayien village, un antico villaggio di montagna dove si può ammirare come vivevano un tempo i contadini taiwanesi.

IMG_7504

IMG_7514

Nei giorni seguenti arriva Alberto, un ragazzo italiano che lavorava con me in banana farm a Innisfail in Australia. Insieme a Cassey e Yang, andiamo a rilassarci al mare e a visitare sempre nei dintorni.

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

Vi consiglio di dare un’occhiata al video, ma sopratutto di volare a Taiwan!

VUOI SEGUIRE LE MIE AVVENTURE E QUELLE DI ALTRI BACKPACKERS? ISCRIVITI AL BLOG! RICEVERAI MATERIALE INEDITO!

 

The following two tabs change content below.
Sono Michael, un ragazzo avventuroso e con la voglia di scoprire, esplorare e condividere nuove emozioni ed esperienze. Dopo aver concluso gli studi liceali, ho iniziato quelli universitari a Milano, sotto la facolta’ di sociologia, rendendomi conto però che non era la mia strada. Ho deciso cosi’ di mettere un po’ di soldi da parte iniziando a lavorare, per partire in viaggio nel 2012 (inizialmente sarebbe dovuto durare 3 mesi) e scoprendo così la mia vera natura, quella del viaggiatore. Non mi ritengo uno scrittore nato, per questo ho sempre negato a me stesso la possibilità di creare un blog, ma la voglia di condividere e il desiderio di motivare persone di qualsiasi età, come me, stufe della monotonia e vogliose di vedere cosa c’è al di la’ della vita quotidiana, mi hanno spinto ad aprire Vita da Backpackers!

Rispondi