In giro per il Giappone ci sono molte isole o villaggi invasi da animali: l’isola dei gatti a Tashirojima, il parco dei cervi a Nara, il villaggio delle volpi nel Zao fox village e per finire (per quanto ne so io), “l’isola dei conigli” ad Okunoshima, la Usagi Jima. Quest’isola si trova tra Hiroshima e Fukuyama ed è raggiungibile in treno in meno di due d’ore da Okayama. Io ci sono andato da Okayama station (al momento ero ospitato da una coppia a Musa, una cittadina vicinissima ad Okayama), prendendo la JR line e cambiando stazione a Mihara.

IMG_6132-e1436275734434

IMG_6127

Arrivati a Tadanoumi (dovrete scendere qui, totale 1740 yen) bisognerà prendere il traghetto che costerà 620 yen (andata e ritorno, il biglietto di ritorno dovrete prenderlo insieme a quello dell’andata perché sull’isola non c’è la macchinetta). Ricordatevi di comprare della verza da poter dare ai conigli.

IMG_6136-e1436275744567

IMG_6144-e1436275753214

IMG_6188-e1436275796332

Una volta sull’isola, decine di conigli vi correranno incontro perché sanno che il cibo sta arrivando! Questi simpatici conigletti sono molto socievoli, non farete fatica ad accarezzarli e strapazzarli (non so quanto sia igienico). Quest’isola però, è conosciuta anche per la fabbrica di gas tossici, costruita in segreto introno al 1929 e chiusa alla fine della seconda guerra mondiale. Questa fabbrica era talmente tenuta in segreto che l’isola fu addirittura eliminata dalla mappa geografica.

FullSizeRender-18-e1436276696341

FullSizeRender-23-e1436276431702

IMG_6175-e1436275772674

IMG_6178-e1436275785141

Sembrerebbe essere grazie a un gruppo di studenti se l’isola prende questo nome. Infatti nel 1971, sarebbero stati portati una decina di conigli che si sarebbero riprodotti negli anni. Un’altra ipotesi sarebbe che servivano delle cavie per sperimentare i gas nocivi, (trovo più fattibile che siano stati portati per essere usati come cavie, ma è semplicemente un parere personale). Consiglio di fare un bel giro dell’isola a piedi, ci mettere circa un’oretta, ma potrete vedere ciò che è rimasto delle costruzioni che si trovavano qui un tempo, scovare i 300 conigli che abitano l’isola e godere del magnifico panorama. Qui si trova anche un albergo e un parco per campeggiare. Se siete amanti di questi animali, una visita ad Okunoshima è d’obbligo.

IMG_6228-e1436275807144

The following two tabs change content below.
Sono Michael, un ragazzo avventuroso e con la voglia di scoprire, esplorare e condividere nuove emozioni ed esperienze. Dopo aver concluso gli studi liceali, ho iniziato quelli universitari a Milano, sotto la facolta’ di sociologia, rendendomi conto però che non era la mia strada. Ho deciso cosi’ di mettere un po’ di soldi da parte iniziando a lavorare, per partire in viaggio nel 2012 (inizialmente sarebbe dovuto durare 3 mesi) e scoprendo così la mia vera natura, quella del viaggiatore. Non mi ritengo uno scrittore nato, per questo ho sempre negato a me stesso la possibilità di creare un blog, ma la voglia di condividere e il desiderio di motivare persone di qualsiasi età, come me, stufe della monotonia e vogliose di vedere cosa c’è al di la’ della vita quotidiana, mi hanno spinto ad aprire Vita da Backpackers!